Archivi tag: Santa Maria di Leuca

Torre Vado

La costa salentina del versante ionico è punteggiata da diverse cittadine, interessanti sia dal punto di vista storico ed artistico che per lo splendido lungomare e la moltitudine di località balneari di indubbio fascino. Una vacanza nel Salento può comprendere il litorale che va da Capo Leuca fino su a Gallipoli ed oltre a Porto Cesareo, in un alternarsi di alte scogliere ed immense spiagge, che si gettano in un mare limpido e trasparente, più volte premiato per la sua pulizia e la sua bellezza dalla organizzazioni ambientaliste ed ecologiste.

Porticciolo a Torre Vado

Porticciolo a Torre Vado

Torre Vado, la bella cittadina dominata da una delle tante torri medievali che caratterizzano questo tratto costiero, antica testimonianza di quando le coste salentine erano terra di conquista e di scorrerie dei terribili pirati saraceni e dei crudeli turchi, è tra le località in cui vale la pena fermarsi e porre la propria base per visitare il territorio salentino circostante.

La cittadina è piccola ed incantevole, vi si trova una marina suggestiva ed un moderno porticciolo dove accanto all’attività frenetica dei tanti pescatori c’è quella più spensierata di chi approda con le imbarcazioni da diporto, nonché piacevoli stabilimenti balneari nella Marina di Torre Vado. Confinante con il litorale di Torre Vado si apre una delle più estese spiagge di tutta la costa pugliese, Pescoluse, che i turisti hanno ribattezzato “Maldive del Salento”, chiaro ed evidente accenno alla stupenda bellezza di queste distese di sabbia fine e dorata che non hanno niente da invidiare alle più conosciute località tropicali.

Nell’entroterra si possono ammirare le immense distese degli uliveti e dei vigneti, i cui prodotti, l’olio extravergine di oliva ed il vino sono tra i vanti del Salento. E nell’entroterra, poco lontani da Torre Vado si trovano tutta una serie di belle cittadine interessanti, la cui storia si perde nella notte dei tempi, prima ancora dell’epoca dei greci e dei romani, come testimoniano le antiche costruzioni ancora presenti sul territorio, ed alcuni siti archeologici di forte interesse: Patù, Castrignano del Capo, Alezio, Alessano.

Verso sud da Torre Vado la scogliera si fa impervia e si alta sul mare, fino a raggiungere i promontori di Punta Meliso e di Punta Ristola, dove si apre la bianca Santa Maria di Leuca, famosa località turistica e balneare già dall’ottocento, con le sue belle insenature che fanno caplino tra gli scogli e le numerose e suggestive grotte naturali.

Il mare a Castro

Castro è una cittadina di origini romane che oggi conserva in parte la sua antica vocazione ospitando le imbarcazioni da diporto nel suo suggestivo porticciolo, anche se è il litorale ad aver conosciuto un grande sviluppo come località balneare grazie all’incantevole bellezza del suo paesaggio.

Marina di Castro infatti è un lungo susseguirsi di scogliere tra le quali si aprono all’improvviso calette ed insenature di notevole fascino, ideali per chi ama le immersioni, fondali meravigliosi, dove si possono ammirare moltitudini di affascinanti creature marine.

Il paese è uno spettacolo di urbanistica medievale, con le sue stradine strette ed il Castello, una vera e propria fortezza arroccata su un aspro promontorio, costruito dagli spagnoli durante il loro dominio nel corso del ‘500.

Sicuramente una delle attrattive di maggior richiamo di Castro sono le numerose grotte che si aprono lungo il litorale. Ce ne sono decine e tutte altrettanto suggestive, a partire da Grotta Romanelli, la Plummara, Tituneddra, Grotta Striare, e, in direzione di Santa Maria di Leuca la splendida Grotta Zinzulusa una di quelle escursioni da non perdere assolutamente.

Le grotte di Santa Maria di Leuca

S. Maria di Leuca, una delle perle del Salento, è rinomata dai turisti non solo per l’incantevole paesino arroccato bianco di calce sull’estrema punta del tacco dello stivale italiano, ma anche per le attrazioni che offre a turisti e visitatori. Oltre a trascorrere le giornate tra le belle insenature lungo la costa, tra tuffi e nuotate in un mare cristallino e limpido, una o più giornate le si possono dedicare alla visita della bellissima serie di grotte che costellano le alte scogliere lungo il litorale.

La Grotta della Zinzulusa è forse la più famosa, raggiungibile in barca, con la sua stupenda caverna dove la roccia si è trasformata grazie all’erosione in miriadi di frastagliati pinnacoli che pendono dalla volta, dando al tutto un aspetto magico ed affascinante. E poi la splendida Grotta Ciolo, che forma una piscina naturale di una azzurro ammirevole, la Grotta delle Tre Porte, con il suo triplice ingresso, e la Grotta dei Giganti, dove sono stati ritrovati i resti di enormi animali un tempo comuni anche in Italia.

La Grotta del Ciolo

E’ uno dei panorami mozzafiato che si possono trovare nell’estrema punta del Salento, tra Santa Maria di Leuca e Marina di Novaglie.

Si tratta di Grotta del Ciolo. Un primo suggestivo panorama lo si ha una volta che si percorre il ponte che si alza di circa una trentina di metri sul livello del mare, e dal quale si abbraccia la località in tutto il suo incantevole fascino.

Intorno all’osservatore le rocce a strapiombo su uno specchio di mare dove giocano tra mille sfumature di blu e turchese le acque del mare. Un fiordo che termina davanti all’ingresso della grotta vera e propria che si apre con una grande caverna che si alza dal mare per una trentina di metri.

Oltre al maestoso ingresso si può percorrere un cunicolo lungo quasi cento metri, all’interno della quale scorre l’acqua dolce che sgorga da una sorgente sotterranea. Altro punto d’attrazione un laghetto naturale proprio davanti all’ingresso della grotta, dalle incredibili sfumature rosse e verde smeraldo.

Marina di Novaglie

Marina di Novaglie, è molto amata soprattutto dagli estimatori delle coste rocciose, perchè questo tratto di mare vicino a Santa Maria di Leuca è caratterizzato dalle alte scogliere che si immergono dall’alto nelle acque. Tuttavia le bellissime piccole insenature permettono di trascorrere momenti indimenticabili, soprattutto per coloro che non amano troppo le spiagge affollate ed i bagni di folla.

Il mare è assolutamente spettacolare, qui, dove si confondono e si abbracciano le acque del Mar Ionio con quelle del Mare Adriatico, di un blu intenso, e per gli amanti delle immersioni subacquee Marina di Novaglie è un vero e proprio paradiso per gli stupendi fondali. Per chi poi volesse provare qualche emozione ulteriore ci sono le stupende grotte che si aprono lungo la costa, delle quali la più vicina è la Grotta Ciolo, un incanto di acque verdi ed azzurre che fanno capolino tre le arcate di roccia.

Torre Vado

Torre Vado fa parte di quelle cittadine che rappresentano al meglio la rinnovata vocazione turistica e di accoglienza del territorio pugliese e salentino in particolare.

Posta a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca, questo paese, dominato dalla torre che si affaccia sul mare, è un condensato di tutto ciò che un turista potrebbe desiderare dalla sua vacanza in Puglia.

Strutture ricettive moderne ed efficienti, una posizione territoriale che vede Torre Vado al centro delle possibili mete da raggiungere in poche decine di minuti nella zona circostante, dall’immensa spiaggia di Pescoluse verso nord, da cui si dipartono le altre incantevoli spiagge della marina di Salve, un porticciolo per le imbarcazioni da diporto e le pittoresche barche dei tanti pescatori che ancora oggi operano sui pescosi mari pugliesi, ed un entroterra che affascinerà anche i più refrattari al richiamo della natura, per la splendida testimonianza di coltivazioni, campi, muretti a secco, edifici in pietra di tradizione contadina.

Santa Maria di Leuca

Affacciata sull’Adriatico e lo Ionio troviamo una delle perle del Salento, Santa Maria di Leuca, una preziosa cittadina compresa tra due promontori, Punta Meliso e Punta Ristola che svetta su una magnifica costa di alte scogliere tra le quali si aprono alcune meravigliose insenature.

Le grotte di Santa Maria di Leuca

Le grotte di Santa Maria di Leuca

Sulla costa si trova un faro, tra i più alti di Italia con i suoi 102 metri di altezza, e nelle giornate limpide dall’alto del faro è possibile scorgere verso oriente l’isola greca di Corfù, mentre verso occidente le coste della Calabria.

Sin dall’ottocento sulle spiaggette intorno alla cittadina si sono sviluppate diverse località balneari, conosciute e frequentate dalla ricca borghesia salentina, che eleggerà proprio Santa Maria di Leuca come rinomata meta di vacanze, e sul cui litorale costruirà delle stupende ed originali ville che ancora oggi deliziano i visitatori per la loro imponente eleganza.

Sia la linea costiera in cui si aprono alcune delle più suggestive grotte naturali del Salento, come la Grotta della Zinzulusa, la Grotta delle Tre Porte, la Grotta dei Giganti, e la splendida Grotta Ciolo, per citare quelle più famose, sia la cittadina con le sue belle attrattive architettoniche, e l’entroterra dove si estendono gli uliveti ed i vigneti di cui il Salento va orgoglioso per la preziosa produzione di olio extravergine e vino la cui prelibatezza e fama travalicano i confini regionali.

Tra le bellezze architettoniche, oltre alle ville ottocentesche, in stile art decò, moresche, neogotiche, si trovano alcuni importanti luoghi di culto, Chiesa di Cristo Re ed il Santuario, oggi chiamato Basilica de Finibus Terrae, il cui interno, ad una navata, presenta interessanti opere pittoriche, tra le quali una Madonna con il Bambino, attribuito a Jacopo Palma il Giovane, discepolo di Tiziano, ed un monolite testimonianza degli antichi culti pagani dedicati a Minerva praticati prima dell’avvento del cristianesimo. Vuole la leggenda che proprio da qui inizierà il suo percorso di evangelizzazione dell’Italia perchè proprio a Capo Leuca sarebbe sbarcato San Pietro e sui promontori della cittadina avrebbe tenuto il suo primo discorso in terra italica.

Tra gli eventi più interessanti le celebrazioni per Madonna di Santa Maria di Leuca. Tutta la popolazione si riversa in strada per seguire la processione della statua della Madonna che, dopo aver attraversato le vie del paese viene portata al largo in barca, per benedire i flutti del mare con il lancio di una corona di fiori. Alla sera tutti gli abitanti si radunano sulla costa per ammirare i fuochi d’artificio che illuminano la notte sul mare.

Località turistiche in Puglia

La Puglia è diventata negli ultimi decenni una delle regioni più gettonate da visitatori e turisti in cerca di luoghi dove trascorrere piacevoli ed indimenticabili vacanze nel Salento. Una breve navigazione sui motori di ricerca in Internet vi può dare un’idea di massima su quante e quali siano le possibilità e le offerte disponibili, davvero per tutti i gusti e per tutte le esigenze.

Otranto vista dall'alto

Otranto vista dall

D’altronde il patrimonio storico e culturale, architettonico e naturale della Puglia è veramente immenso, e tali e tante sono le località da vedere ed ammirare che sicuramente una sola visita sarà sufficiente ad assaporarne solo alcune.

Chi cerca località balneari, belle spiagge o insenature tra gli scogli, mare pulito e limpido non ha che l’imbarazzo della scelta, sia che si rechi sulla costa ionica, dove trova Gallipoli con il suo litorale di spiagge lunghissime che si estendono intorno alla cittadina di incredibile fascino, oppure più a sud, da Torre Vado a Torre Pali, nelle lunghe spiagge ancora per gran parte incontaminate come Pescoluse. E poi ancora, Porto Cesareo con i suoi due chilometri di spiaggia, le basse scogliere di Portoselvaggio che vi si aprono improvvisamente davanti al termine della folta pineta del parco naturale.

Sul versante adriatico belle spiagge le troviamo intorno ad Otranto, una cittadina da visitare assolutamente per la preziosità del suo centro storico, e a sud a Santa Maria di Leuca, dove i turisti accorrono numerosi per il bel litorale trapuntato di incredibili anfratti e caverne naturali.

Più a nord il Promontorio del Gargano è una festa per chi ama spiagge e scogliere, da Vieste a Peschici, da Manfredonia a Mattinata a Margherita di Savoia, in un territorio che oggi fa parte di un grande parco naturale che ne garantisce la conservazione e la salvaguardia.

Chi ama storia arte e cultura si reca a Lecce, dove si possono ammirare gli eccelsi risultati del barocco nelle splendide chiese e palazzi del centro storico, oppure a Castel del Monte, maestosa costruzione dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, che svetta su una collina e di cui ancora restano indecifrabili la simmetria dell’architettura ed i profondi significati simbolici. Non si possono trascurare nemmeno le belle cittadine dell’entroterra,la cui origine risale ad epoche remote, fin dall’Età del Bronzo, quando la Puglia era abitata dalle popolazioni italiche dei Messapi e dei Dauni, ed in cui si trovano ancora tanti reperti storici e loghi di culto delle antiche civiltà, dolmen, menhir, e mura fortificate.

E poi ancora le suggestive gole che circondano Gravina di Puglia, la Foresta Umbra sul Gargano, Barletta, Ostuni, bianca di calce ed arroccata sulla roccia, Alberobello con le sue costruzioni fantastiche, i trulli, oppure Santa Maria di Leuca, la “perla del Salento”, che svetta sul mare all’estremo sud del Salento.

Porti e approdi in Puglia

La Puglia, con i suoi 800 chilometri di coste è sempre stata al centro delle comunicazioni con l’est europeo e l’area dei Balcani, nonché della Grecia e dell’Asia Minore. Sin dall’antichità dai porti della Puglia partivano ed approdavano navi cariche di olio e di vino, di marmi e di merci pregiate provenienti dall’oriente. E dalla Puglia partiranno in direzione della Terrasanta anche le armate dei crociati per la riconquista del Santo Sepolcro caduto in mano ai musulmani.

Il porto di Torre Vado

Il porto di Torre Vado

Vuole la leggenda che Enea, nella sua fuga verso l’Italia sia approdato proprio in Puglia, in una spiaggia vicino a Porto Badisco, e che San Pietro sia sbarcato, nel suo viaggio per evangelizzare l’Italia a Santa Maria di Leuca, dove avrebbe tenuto il primo dei suoi discorsi sul territorio italiano. Dopo la buia parentesi dell’epoca medievale, quando le coste e le città sul mare saranno facile preda delle incursioni di pirati e saraceni, la funzione di importante scalo delle città portuali della Puglia sarà in costante ascesa.

Il porto di Bari è attualmente tra i più importanti per la comunicazione con Est Europa e Grecia, ed attualmente alle sue già ampie capacità ricettive si affiancano quelle dei porti di Manfredonia, di Barletta e di Monopoli.

Anche a Brindisi il traffico portuale è notevole, e si contano diverse linee che collegano non solo la Grecia ma anche la Turchia.

Sulla costa ionica è Taranto, con il suo grande porto industriale ad essere il centro delle comunicazioni navali.

Oltre ai grandi porti commerciali e del traffico di persone e mezzi la Puglia è ricca di ampie capacità ricettive anche per quanto riguarda i porti turistici.

Negli ultimi anni sono in progetto l’ampliamento delle capacità ricettive che dovrebbero salire da 10 mila a 18 mila unità. Un importante tassello della promozione dei porti in Puglia prevede la costituzione di scali importanti per le imbarcazioni di lusso che attualmente approdano più facilmente nelle più attrezzate strutture portuali croate.

E’ perciò che località importanti come Gallipoli, Otranto, Torre Vado e Santa Maria di Leuca, per citarne solo alcune hanno ampliato in questi ultimi anni i propri porti, costruendone di nuovi accanto a quelli tradizionalmente utilizzati dai pescherecci, e si sono dotate di importanti servizi che sono indispensabili per garantire a chi approda sicurezza e comodità, dagli allacci all’elettricità ed all’acqua, alle officine per l’alaggio e le riparazioni, alla banchine dove le imbarcazioni possono restare ancorate in tutta sicurezza anche in caso di maltempo.